image_print

Il 20 ottobre, all’Università Bocconi, ho incontrato i 40 imprenditori e manager che stanno seguendo la nuova edizione del corso “General Management per le Piccole e Medie Imprese

Tutte le aziende oggi operano in ambienti complessi e altamente competitivi che, in quanto tali, richiedono competenze sempre più affinate per garantire il raggiungimento degli obiettivi prefissati.
Per questo anche le piccole e medie imprese devono essere sempre più in grado di rispondere alla necessità di avviare processi di innovazione di prodotto, di cambiamento organizzativo e di internazionalizzazione. Così da poter competere in modo adeguato sul mercato, anche ad alti livelli.

Il prof. Piero Almiento, docente Area Marketing SDA Bocconi e Niccolò Branca
Il prof. Piero Almiento, docente Area Marketing SDA Bocconi e Niccolò Branca

Il corso di “General Management per le Piccole e Medie Imprese” si prefigge lo scopo di fornire gli strumenti necessari a governare ogni percorso di crescita. E così gestire la propria azienda in maniera efficiente, rafforzandone al contempo la credibilità e l’immagine presso clienti, fornitori e concorrenti.

L’incontro con gli imprenditori e i manager che hanno scelto di frequentare questo corso è stato per me un momento di grande partecipazione. Variamente coinvolti nei processi decisionali di differenti imprese, li ho sentiti tutti fortemente motivati e interessati a rafforzare la propria capacità di analisi dei fenomeni aziendali. In tal modo possono anche arricchire la propria esperienza attraverso il confronto con altre aziende e altri settori.

Per fare un manager ci vuole un fioreIl mio intervento si è collocato all’interno del modulo coordinato dal Prof. Piero Almiento, docente dell’Area Marketing della SDA Bocconi, referente dell’Area Marketing per le Piccole e Medie Imprese.
Il Prof. Almiento ha scelto di inserire il mio libro “Per fare un manager ci vuole un fiore” come testo didattico del modulo di “Marketing e Vendite” del corso “General Management PMI”.

Una scelta che mi ha riempito di gioia. Mi auguro che l’apporto dell’Economia della Consapevolezza possa fornire ulteriori elementi di riflessione ai manager e agli imprenditori che partecipano al corso.

Niccolò

about rossella

Per commentare questo articolo, utilizza il box della rubrica Parla con Niccolo Branca.